skip to Main Content

AMKA in Guatemala: verso nuove frontiere

Negli ultimi dieci anni, l’attività di AMKA in Guatemala è sempre stata associata al Dipartimento del Petén, regione settentrionale del Paese. Eppure, il 2020, oltre alle sfide e alle difficoltà derivanti dalla pandemia, ci ha regalato importanti novità: AMKA, in tempi molto brevi, sarà presente anche nel Dipartimento di Huehuetenango, area nord-occidentale del piccolo Stato centramericano purtroppo nota per gli alti tassi di povertà assoluta, ma celebre per la qualità del caffè prodotto. Quest’ampliamento verso ovest si deve al rapporto di partenariato che lega AMKA a CSC – Caffè speciali Certificati – e a Treedom.

Come sono connesse queste due realtà all’interno della nuova strategia di sviluppo a Huehuetenango?

CSC- Caffè Speciali Certificati- è un’associazione di torrefattori che, dal 1996, promuove la diffusione e la cultura del caffè di qualità e, in un’ottica tanto solidale quanto internazionalista, ha incontrato AMKA per un “sodalizio vincente” tra le rispettive professionalità: CSC, nell’interesse di favorire l’importazione di caffè a un prezzo giusto, dalle aree del mondo con un grande potenziale in termini di qualità, ha individuato nel Dipartimento di Huehuetenango un rilevante bacino da valorizzare; d’altra parte AMKA, forte della propria esperienza, si è dotata degli strumenti per poter approfondire la condizione socioeconomica delle piccole produttrici e produttori di caffè, schiavi di un sistema iniquo e dell’assenza di opportunità. Da questo scambio è nato un progetto che mira a restituire dignità alle donne indigene dedite alle coltivazioni di caffè: le caficultoras, selezionate in base a criteri di vulnerabilità presso tre comunità del Municipio del Petatán (Huehuetenango), riceveranno supporto dalla semina alla commercializzazione e saranno coinvolte in percorsi di formazione ad hoc per favorire la crescita economica e il rafforzamento sociale, promuovendo le loro capacità di leadership, produttive e commerciali.

Parallelamente, l’attenzione di AMKA alla sostenibilità, che costituisce le fondamenta della partnership con Treedom, ha portato l’Associazione a pensare ad un progetto più ampio, che coinvolgesse il municipio del Petatán, con l’obiettivo di promuovere l’empowerment socioeconomico dei nuclei familiari vulnerabili, garantendo la diversificazione produttiva e alimentare e valorizzando la risorsa ambiente. L’idea è quella di estendere al Petatán le buone pratiche e l’esperienza acquisita dal 2018 nel Petén, con il progetto Creciendo Unidos-Dal seme alla sovranità alimentare co-finanziato annualmente da Treedom. “La sfida della diversificazione sostenibile nel Petatán” diviene quindi il nuovo progetto di punta che lega AMKA e Treedom, senza compromettere le attività nel Petén, ma anzi ampliandone la portata. Presso il municipio del Petatán prenderà presto vita un vivaio in grado di produrre 15.000 piante all’anno: alberi da frutta, di buona qualità, da donare a famiglie a basse risorse, allo scopo di rafforzarne l’economia e migliorarne le condizioni di vita.

Specie quali, limoni, arance, sapote, mango e avocado, arricchiranno i terreni e la dieta familiare in una strategia di sviluppo perfettamente complementare alla promozione della produzione e della commercializzazione del caffè a favore dei più vulnerabili.

Questo articolo ha 0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

×Close search
Cerca