skip to Main Content

Il Programma PTME di Amka: La Storia di Mireille

Mi chiamo Mireille, ho 34 anni, sono al 5° mese di gravidanza e sono sieropositiva.

Ho scoperto il mio status 3 anni fa durante la mia prima gravidanza: ero andata all’ospedale per la consultazione pre-natale e le assistenti sociali di AMKA hanno spiegato a tutte le mamme presenti cos’è l’HIV e come si trasmette durante la gravidanza, il parto e l’allattamento.

Poi l’infermiera ci ha proposto di fare il test; io ho detto subito di sì: ero certa che il risultato sarebbe stato negativo. E come avrei potuto contrarlo? E invece… il mondo mi è crollato addosso!.

Le assistenti sociali mi sono state molto vicine, e mi hanno aiutato a capire che la vita continua; all’inizio non volevo accettare la mia malattia, non volevo saperne di prendere gli antiretrovirali e nemmeno di parlare con qualcuno.

Non andai più in ospedale.

Fathy e Francine mi vennero a trovare a casa, mi consolarono e mi convinsero a parlarne con mia sorella. Io mi vergognavo tanto, e mi sentivo in colpa.

Mia sorella non mi lasciò sola, mi accompagnava alle visite e si preoccupava che io seguissi correttamente la cura.

La gravidanza era quasi al termine, partorii con il cesareo e non allattai il piccolo Willi. Ogni settimana andavo al centro a ritirare il latte in polvere e a far controllare lo stato di salute del mio bimbo, che cresceva molto bene!

Quando gli davo il biberon mi sembrava che tutto il quartiere mi guardasse male e non mi sentivo una brava mamma, poi i mesi passarono e arrivò lo svezzamento: che liberazione. A 18 mesi Willi ha fatto il test ed è risultato negativo! Che felicità!

Questo mi ha ridato la speranza ed ho trovato la forza di parlarne con mio marito.

Lui si è molto arrabbiato, quella sera è uscito e si è ubriacato; si è rifiutato categoricamente di parlare nuovamente dell’argomento e non vuole saperne di sottoporsi al test, dunque non conosce il suo status.

Lui dice che è forte e sta bene e che sono i dottori che si inventano le malattie per vendere le medicine. Quando sono rimasta nuovamente incinta, qualche mese fa, però si è raccomandato di dirmi di “andare a trovare le tue amiche dell’ospedale”.

Questa volta ho iniziato gli antiretrovirali in tempo per poter far nascere il mio bimbo naturalmente ed allattarlo senza rischio di contagio…non vedo l’ora!

 

Questo articolo ha 0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

×Close search
Cerca