skip to Main Content

Diario di una volontaria dal Guatemala

Nove  giorni fa è cominciata per me e i miei compagni di viaggio un’esperienza bellissima, intensa e sicuramente non comune. AMKA  ci ha permesso di partire come volontari nella regione del Peten in Guatemala. In questo modo ci sentiamo parte attiva nel processo di conoscenza e realizzazione dei progetti che l’associazione sta portando avanti ormai da svariati anni.
La nostra base è la cooperativa di Nuevo Horizonte fondata nel 1998 dagli ex guerriglieri che hanno combattuto per la libertà del proprio paese per quasi 20 anni. Nuevo Horizonte è il luogo in cui AMKA sostiene progetti educativi, di turismo sostenibile e la costruzione di un internet point.
Io vedo  Nuevo Horizonte come una seconda casa; sarà per le storie da brividi che gli ex guerriglieri ci hanno raccontato, per lo stile di vita delle famiglie e per la forza interiore che riescono a tirar fuori ogni volta che si trovano in situazioni di difficolta ma realmente  riesco a vedere questo luogo come un posto in cui rifugiarsi e in cui riscoprire se stessi.  sono rimasta anche particolarmente  affascinata dal bosco della vita dove si possono trovare magnifiche piante come la Ceiba, uno dei sette simboli del Guatemala,  e animali come le scimmie urlatrici e le scimmie ragno, ma soprattutto  è un luogo che ha un enorme valore simbolico: i guerriglieri della zona del Peten vi hanno combattuto e vi si sono rifugiati per quasi 20 anni.
Da Nuevo Horizonte ci siamo spostati per andare al sito maya di Tikal che mi ha lasciata realmente a bocca aperta per la sua maestosità e per i secoli di storia che racchiude tra le sue mura; tornando siamo anche riusciti a farci un tuffo nel lago Izla bellissimo e limpidissimo.
Abbiamo visitato Flores città turistica ma molto carina dove abbiamo mangiato benissimo e osservato uno stile di vita diverso da quello di Nuevo Horizonte; sicuramente è una cittadina più ricca rispetto alla nostra cooperativa ma  comunque mantiene vive tradizioni popolari come quelle legate alla preparazione di cibi tipici in mezzo alle strade che ti mettono una grande allegria.
Questi ultimi giorni li abbiamo trascorsi alla cooperativa della Tecnica, anch’essa nata dopo la fine della Guerra Civile e dove AMKA  sostiene un progetto di turismo solidale. Il progetto non è di facile realizzazione per la mancanza di fondi e per le condizioni delle strade che portano alla cooperativa che non sono asfaltate.
La Tecnica è un importante punto di snodo perché si trova sulle sponde del fiume Usumacinta che divide il Guatemala dal Messico. Grazie a questa strategica collocazione, siamo riusciti a visitare alcuni siti Maya utilizzando una lancia. Il primo sito è stato quello di Yaxchilàn che si trova sulle sponde messicane, un luogo bellissimo ed emozionante anche se non può battere la maestosità di Tikal.
Il grande problema di questi siti maya è che la gran parte degli edifici  e delle steli sono  ancora sotterrati a causa della mancanza di fondi. Infatti gli investimenti per la salvaguardia e la conservazione del patrimonio sono purtroppo ancora scarsi.
Dopo aver trascorso una notte a Porvenir, un villaggio composto da sole 5 persone e totalmente immerso nella natura abbiamo visitato il sito Maya di Pietras Negras anch’esso suggestivo ma ancora non dissotterrato del tutto.
La sera siamo tornati alla Tecnica, abbiamo cenato con una famiglia del luogo e abbiamo salutato tutti coloro che ci hanno ospitato e che nei giorni precedenti ci hanno raccontato la storia della cooperativa.          La mattina dopo siamo ripartiti per Nuevo Horizonte, la nostra casa!
Ancora non so cosa ci aspetterà nei prossimi giorni ma sono sicura che saranno momenti fantastici come o più di quelli appena trascorsi e sicuramente formativi. L’impressione che ho avuto fino a questo momento è che anche i momenti difficili si sono trasformati in qualcosa di costruttivo e mi hanno portata a un arricchimento interiore diverso da quello che tutte le esperienze di vita passate mi hanno dato.                Sono pronta a proseguire questa esperienza con tutta me stessa!
Chiara Mancuso

Questo articolo ha 0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

×Close search
Cerca