skip to Main Content

Campagna anti-stigma: la lotta contro l'HIV e l’esclusione sociale

La campagna di Amka contro l’HIV/AIDS in Congo (RDC)

Il progetto di lotta alla trasmissione del virus HIV dalla madre al bambino, finanziato grazie al contributo 8×1000 della Tavola Valdese, procede a pieno ritmo alla Clinica Universitaria di Lubumbashi.
Le donne incinta sieropositive inserite nel programma stanno in questi giorni facendo i prelievi per esaminare la loro carica virale e il valore del Cd4. Inoltre l’equipe di AMKA ha iniziato ad organizzare la campagna di sensibilizzazione anti-stigma nei quartieri di Lubumbashi. La campagna è organizzata grazie alla collaborazione di alcune persone formate appositamente per questo genere di attività: i “péres educateurs” (mediatori sociali) hanno accettato già da tempo la loro serologia e collaborano con l’equipe di assistenti sociali di Amka Katanga per sensibilizzare le donne sieropositive e le loro famiglie e lottare contro la stigmatizzazione.
La campagna ha l’obiettivo di raggiungere attraverso visite a domicilio tutte quelle donne incinte sieropositive più reticenti a venire presso i servizi PTME (Prévention de la Trasmission Mère-Enfant du VIH – Prevenzione della trasmissione materno infantile del virus HIV), donne che spesso non hanno ancora condiviso la propria sieropositività con il marito o la famiglia e si nascondono per vergogna e paura. Il timore dell’esclusione sociale le spinge a rifiutare la loro serologia e non aderendo al programma di prevenzione della trasmissione materno infantile non solo mettono in pericolo la gravidanza ma condannano anche il nascituro a ereditare la malattia.
La campagna anti-stigma è dunque fondamentale per raggiungere tutte queste donne che altrimenti non si avvicinerebbero ad un percorso di cura. Grazie all’intermediazione dei “péres educateurs”, che raggiungeranno con le visite a domicilio anche le donne più reticenti, sarà più facile per loro condividere i problemi, le difficoltà e le paure legate al virus, accettare la propria serologia e condividerla col partner fino ad arrivare ad un progressivo avvicinamento al servizio PTME.

Questo articolo ha 0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

×Close search
Cerca